Alberto Paloschi uno di noi

È andata, è andato. Con l’annuncio ufficiale emesso nella tarda serata di venerdì da parte dell’A.C.ChievoVerona, sono corsi i titoli di coda sul film a tinte gialloblù di Alberto Paloschi, passato così a rinforzare le fila dello Swansea City. Un lungometraggio iniziato nell’estate del 2011 che ha raccolto critiche e apprezzamenti, più le prime agli esordi, non di meno diversi quelli all’approssimarsi alla fine.

A dirimere la questione tra i suoi detrattori e chi ne ha sempre stimato le qualità, forse, possono essere gli asettici numeri: le sue 45 reti in 153 gare ne fanno infatti il sesto cannoniere in assoluto tra i professionisti clivensi e il secondo di sempre in Serie A. Un bottino rilevante se rapportato alla realtà calcistica clivense.

Un addio che non è comunque passato inosservato e anche questo potrebbe dare un’idea della considerazione che il giovane attaccante di Chiari godeva – e che gode tuttora – all’interno del microcosmo “pandorato”. Se è vero che ai rimproveri per le occasioni sciupate hanno sempre fatto da contraltare gli apprezzamenti per l’impegno messo su ogni pallone, altrettanto reale è il tributo che gli è stato riservato, soprattutto sul web, da tanto operatori specializzati quanto dal popolo del Ceo. Senza contare quello degli ormai ex compagni di squadra. Video e foto che ne ripercorrevano le gesta o post di saluti, messaggi d’auguri e ringraziamenti hanno accompagnato Palo nel suo volo verso il Galles e la Premier inglese, un’esperienza che il ventiseienne Alberto – dietro i suoi occhiali da studente modello – sembra ora affrontare come una sorta di Erasmus calcistico in attesa di vederlo restituito (perché no?) anche al patrimonio pallonaro nazionale. Il suo nome non potrà così comparire sulla distinta del match che i collaboratori di mister Maran consegneranno domenica agli ufficiali di gara in occasione dell’affascinante sfida alla Juventus, ma la sua militaresca esultanza vicino alla bandierina o sotto i tifosi resteranno negli occhi e nei cuori di tutti gli amanti della squadra della Diga.

#GoodLuckPalo, buona fortuna Alberto e grazie di tutto.

Gli Amici del Chievo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *